Dopo l’amore non c’è niente. Le farfalle non volano. Il sole non sorge più, e la luna si fa buia.

Le promesse sono finite, i giorni insieme dimenticati. Nulla è più come prima.

Dopo l’amore l’incertezza si presenta a chiedere il conto. Il tempo è sospeso, le giornate si fanno lunghe, e noi siamo soli.

Dopo l’amore pensiamo all’inganno e alle donne e agli uomini stolti che siamo stati.

Abbiamo creduto alle promesse, al tempo “per sempre”. A ipotecare il futuro come fosse possibile.

Dopo l’amore non siamo più di nessuno. Apparteniamo di nuovo a noi stessi, ma di quell’anima non sappiamo che farcene.

La vita si arresta e il nostro dolore rimbomba nella notte.

Dopo l’amore non vediamo più il sentiero e, spesso finiamo su un rovo di spine. Esce il sangue, e imprechiamo contro chi ci ha fatto male.

Ma, dopo l’amore,  esiste un tempo della responsabilità. É quello di cui abbiamo bisogno.

Un tempo in cui il sole ritorna al suo posto, e la luna si illumina.

In cui promettiamo che ci sarà un oggi, un altro oggi, e un altro ancora. Niente di più.

In cui si scoprono le attese,  gli imprevisti, e prospettive nuove.

In cui le ferite si sono rimarginate. E siamo presenti a noi stessi in modo nuovo.

Possiamo guardare le stelle, e spostare lo sguardo in avanti. Ma, ogni tanto, volgerlo indietro per capire ciò che siamo stati.

Dopo l’amore dobbiamo ripulire il sentiero, estirpare le erbacce per piantare semi nuovi.

Dopo l’amore esiste un tempo difficile che è quello del perdono. In cui possiamo chiederci scusa per aver disatteso un progetto, un’idea, un sogno.

Perdonare l’altro di non essere ciò che ci saremmo aspettati.

Dopo l’amore esiste altro amore nel cuore di ognuno di noi, e ogni tanto si diverte a nascondersi.

Ci sono poche regole: non barare e stare al gioco. Se siamo leali, prima o poi si fa trovare.

17 comments on “Dopo l’amore.”

  1. Dopo l’amore (che non ci ha ucciso ma ferito gravemente) c’è la necessità di ricordare che l’Amore è indispensabile. Non quello di altri verso noi. Quello che da noi, in qualche forma, migra verso i cuori da riempire nello strano gioco irrazionale della vita.
    Diceva qualcuno… chi ama e chiede di essere contraccambiato è un ricco che mendica da un povero.

    .

    • Concordo. Anche se tutti vorremmo che l’altro ricambiasse il nostro amore e se non succede stiamo male. Ma l’amore credo che sia amore anche quando fallisce, e da noi si aspetta qualcosa di più. Grazie Marco.

  2. Dopo l’amore, siamo persone fragili e nuove, che devono imparare nuovamente a stare in equilibrio da soli.Nel tuo post, la frase che mi rispecchia maggiormente è “le donne e agli uomini stolti che siamo stati”. Ho fatto delle follie, come tutti credo, per uomini che neanche sapevano che esistessi, che ancora oggi mi fanno arrossire e pensare “ma come ho fatto?!?”. La cosa peggiore è che rifarei ogni cosa, sapendo di sbagliare…

  3. Tanto vero… io mi sento persa, senza bussola… continuo a fare scelte sbagliate e ad inciampare ancora ed ancora… perchè non ho un’equilibrio… spero vivamente di risollevarmi al più presto ! Baci !

  4. Penny, le tue parole sono come lanterne in una notte buia, senza stelle né luna.
    Non stancarti di aprire la tua anima. Tante donne come me ti sentono vicina e questo le conforta.
    E il viaggio si fa più lieve.
    Ciao.

  5. Temo che quello che dovesse essere il mio Amore sia finito anche per le mie incapacità nel darlo ad una persona sola. A 51 anni non mi resta altro che cercare di dare amore alle figlie e magari agli altri attraverso il volontariato.

    • Non sono d’accordo. Mi dispiace dirtelo. Le forme dell’amore sono molteplici. Chi dice quale sia quello giusto? Buona giornata Penny

      • quello giusto è quello che ci fa stare bene.
        Sicuramente per me quello giusto non è quello di coppia, non sono stato capace di gestirlo né di viverlo come avrei dovuto e quel che è successo è anche a causa della mia inadeguatezza.
        Per cui preferisco di evitare di fare ulteriori danni a vite altrui.
        Ognuno poi la vede a suo modo. Buona giornata anche a te

  6. Grazie Penny, perché in questo momento riesci a darmi chiarezza e una spalla sul momento troppo difficile che sto attraversando, prima di fare una scelta per me, per mia figlia e per mio marito.

    • Se le mie parole ti sono di conforto ne sono contenta…Di qualunque cosa si tratti prenditi tempo, quando si è confusi non bisogna decidere nulla, piuttosto cercare di capire. Ti abbraccio stretta Elisa, io sono qui se vuoi. Penny

Rispondi