https://m.facebook.com/story.php?story_fbid=2167487143324101&id=100001885108366

L’immagine è un po’ dura ma, forse, necessaria. E, forse, abbiamo bisogno di essere consapevoli di quello che sta succedendo e invertite la rotta.

Notizia di ieri: un imprenditore bergamasco ha imbavagliato e chiuso sua moglie in una cassetta di mele e l’ha lasciata in autostrada.

Notizia di ieri, un 46 enne, commerciante noto di Parma ha violentato e seviziato per tutta la notte insieme a un altro uomo (un africano che gli ha fornito la droga), una ragazza 21 enne, poi, alla mattina l’ha coperta con un pigiama lungo, in modo che non si vedessero lividi, escoriazioni… l’ha messa su un taxi perché tornasse a casa.

Sono notizie. Allarmanti. Mi chiedo cosa si possa fare. Leggete l’articolo. E diamo voce a questa emergenza.

Vi abbraccio.

Ps : Sono fastidiosa lo so. Ma voglio essere “viva” e per farlo bisogna guardare.

Penny

 

4 comments on “Caro governo, il mostro è in casa.”

  1. Stavolta cara Penny non sono completamente d’accordo con te. Nel senso che queste non sono emergenze. Sono problemi strutturali
    Mi da fastidio fare il moralista, ma da decenni alimentiamo una cultura basata sulla competizione spiccia, sul possesso materiale, sul consumo non solo di beni, ma di relazioni.
    Quando c’è un richiamo, non dico a valori profondi, ma a semplici concetti come solidarietà, altruismo , gentilezza si viene bollati , nel migliore dei casi come “buonisti ipocriti”. Si applaude chi professa la bestialità umana. Quello è vero, tutto il resto è falsità, o radicale chic, o cattocomunista…decidi te l’epiteto dispregiativo .
    Cosa fare. Resistere cercando di seminare, come fai tu, gocce di semplice saggezza, tenerezza, cultura.
    Io comunque rimango ottimista, ma oggi è il medioevo. Ci vorranno generazioni
    Un abbraccio

    • Io credo che sia necessario lavorare sulle relazioni e farlo a scuola potrebbe essere d’aiuto. Comunque è fondamentale parlarne e parlarne ancora. Penny

  2. No, l’immagine non é dura, é giusta (purtroppo). E condivido le tue idee. Vivere all’estero apre gli occhi sulle mancanze (a vari livelli) e sui pregi della propria terra natale. In questi caso mi spiace dover ammettere che noi siamo davvero tanto indietro. Un abbraccio dalla Florida. Ciao ♥️😘

    • Tanto lavoro da fare, un retroterra pieno di stereotipi e retaggi culturali che non aiutano le donne nelle relazioni affettive e non solo. Penny

Rispondi