Accade. Ad un certo punto.
Non si ha più voglia di fingere.
Nè di chiedere scusa.
Guardi la vita e ti sembra piccola.
Forse insignificante.

Quello che prima aveva un valore, improvvisamente, non lo ha più.
Rituali a cui devi sottostare. Umori da sedare.

E ti chiedi perché hai perso così tanto tempo.

Dove sei stata. Chi sei.

Ti guardi intorno.
Lo spazio non ti sembra tuo.
L’esistenza neppure.

Sei tu l’estranea.
Tu, e il tuo bisogno di andare via.
Che scalcia. Rompe gli argini.
Le abitudini. A volte, l’amore.

Accade. A un certo punto.
Ti risvegli dal torpore.
Rinasci. Di nuovo.

Figli della placenta,
ritrovi i piaceri che avevi perso.
Smarriti nell’ordinario.
Non fingi più.

Non ce n’è bisogno.
Liberata da un affetto tiepido.
Da una dipendenza emotiva.

Il tempo è di nuovo tuo.
La vita pure.
Te la sei ripresa.

Non chiedere scusa.

Penny
#ilmatrimoniodimiasorella.

7 comments on “Non chiedere scusa.”

    • Dipende per cosa. Per la separazione no. Si capisce e comprende il loro dolore, ma non c’è niente da perdonare. Io la penso così. Besos

  1. Cara Coccodrilla, non c è momento non c è giorno non c è istante in cui io non chieda scusa ai miei figli, non mi senta in colpa x loro.
    Non era più vita quella.
    Non lo è neanche questa.
    Sarà un pensiero costante x il resto della mia vita.

  2. Io sento che comunque per tante cose devo chiedere scusa. L’importante però credo sia comunque andare avanti

    • Io penso che ciò che pensiamo ( bel gioco di parole) sia importante, più di quello che dicono gli altri. Anche se in questo caso sono io 😂

Rispondi