Cinzia Pennati - Il Matrimonio Di Mia Sorella

violenza sulle donne

Storia di un Cappuccetto rosso “sbranato” due volte.

http//www.toscanatoday.it/cinzia-pennati-sosdonna Vi chiedo di leggere. A me questa storia, che storia non è, ha sconvolto. Da madre. Da donna. Mi sono chiesta cosa avranno pensato le madri di questi ragazzi. Mi sono chiesta fin dove può arrivare l’uomo. E cosa possiamo fare. La storia di Cappuccetto fa paura ai bambini. Ma, alla fine, arriva un […] Read more…

Abbiamo bisogno di poesia. Noi donne.

Abbiamo sempre bisogno di poesia. Noi donne. Che arrivi dagli occhi, da una voce, da un corpo che avvicina. E non è una poesia che ci illude, oh no!, sappiamo discernere molto bene ormai. Forse quando eravamo ragazze, ma adesso, non più. Nessun incanto o incantatore bussi alla nostra porta. Non apriremo. E non servono […] Read more…

Predate.

“Tutte le creature devono sapere che esistono i predatori. Senza conoscenza, la donna sarà incapace di negoziare tranquillamente all’interno del suo bosco senza essere divorata. Comprendere il predatore è diventare un animale maturo non vulnerabile per un’ingenuità, inesperienza o stupidità… La giovane impara a vedere il predatore attraverso gli insegnamenti del padre della madre… I […] Read more…

Quando le bambine potranno essere lupi.

La nostra psicomotricista ha chiesto ai bambini in palestra di rappresentare la storia di Cappuccetto rosso.  “Noi facciamo i lupi” dicono i maschi. Alle bambine tocca scappare. Una di loro, più audace, non ci sta:”Io voglio fare il lupo!” esclama imbronciata. I maschi sghignazzano, come se l’idea fosse davvero assurda, fanno finta di niente, iniziano […] Read more…

Gridate il vostro No.

Imparate a dire dei No quando lo sentite. Quando subite un’ingiustizia, perché siete donne. O una discriminazione, perché siete donne. Imparate a dire dei No quando qualcuno usa la prepotenza, perché siete donne. Quando non vi ascoltano, perché siete donne. Quando vi mettono all’angolo, perché siete donne. Quando avete un ruolo di potere e lanciano […] Read more…

Caro giudice, quando un uomo è crudele?

Il fatto. Il 15 gennaio del 2017 Luigi Messina uccise la moglie Rosanna Belvisi con 29 coltellate nella loro casa di via Coronelli, a Milano. L’uomo è stato condannato a 18 anni di carcere perché, come ha scritto il giudice nelle motivazioni della sentenza, non c’è stata l’aggravante della crudeltà: le coltellate furono sferrate “verso […] Read more…