Ai figli. Ci sono cose da dire.

Ci sono cose da dire ai nostri figli. Come ad esempio che il fallimento é una grande possibilità.

Si ricade e ci si rialza. Da questo s’impara. Non da altro.

Dovremmo dire ai figli maschi che se piangono, non sono femminucce. Alle femmine che possono giocare alla lotta o fare le boccacce senza essere dei maschiacci.

Dovremmo dire che la noia è tempo buono per sè. Che esistono pensieri spaventosi, e di non preoccuparsi.

Dovremo dire che si può morire, ma che esiste la magia.

Continue reading

Sono una madre che non c’entra con le altre madri, quelle che sanno come vanno le cose.

Ieri sera eravamo sul solito divano, noi tre. Un divano in cui stiamo strette e ogni santissima volta le girls litigano per il posto. Sembra che vogliano a tutti i costi starmi vicino, si lanciano parolacce e si picchiano, per poi allontanarmi in malo modo se le sfioro.

C’è che, a volte, non le reggo. Si fanno i dispetti e mi trattano come fossi stupida, mi dicono:

ma che problema hai?  Calmati!

Continue reading

Le cose vanno bene.

Quando va abbastanza bene, va giá bene. Non si tratta di accontentarsi, ma di godere di ciò che si ha. Il terreno su cui si cammina. Il corpo che ci appartiene. Il tempo che abbiamo.

Non siamo elementi stabili, ma é stabile il fatto di esserci. Ora.

L’amore per le piccole cose: la primavera che bussa, una gentilezza, un bacio di saluto, una giornata di sole, l’aria sul viso, un buon caffé, é un modo per venire a patti con la delusione. Un modo per accettare che alcuni sogni non si sono realizzati. E rivolgerci a noi stessi con clemenza.

Insomma, volerci un po’ bene.

 

La solitudine che ci spaventa.

Dovremmo insegnare ai nostri figli a non avere paura della solitudine. É uno spazio potente di creatività. Il più grande, forse.

Non dobbiamo spaventarli se si sentono soli, ma spiegar loro che è una condizione della vita, un bisogno e una necessità per l’uomo. Invece raccontiamo storie spaventose in cui i bambini si perdono e rimangono da soli, in cui la salvezza arriva sempre dall’altro. Continue reading