“La mia vita come per tutti ragazzi gira intorno alla scuola, ma anche alla famiglia agli amici. Ruota intorno ai primi amori, ai problemi e alle difficoltà.
Sono una ragazza abbastanza semplice e se uno mi incontrasse in giro non penserebbe che in realtà ho mille problemi e dubbi sulla vita.
Adolescenza, per me, è una parola grandissima. significa lì, tristezza, felicità, sentimento, fatica dolcezza, amore, amicizia. È come se provassi tutte queste emozioni in una volta sola.
Per me l’ adolescenza è anche energia e, sinceramente, penso sia una figata.
Alcune volte, però, fa male; Quando finisce un amore oppure quando litighi con la tua migliore amica per delle sciocchezze.
Il bello è che riesci sempre a ricominciare. Un po’ come una magia.
L’adolescenza è il semplice fatto di dire: “Ma’ stasera esco!”.
È ridere, scherzare, ballare.
È tutto per me.
Penso che i ragazzi, a quest’età, abbiano bisogno di una figura materna, ma anche paterna, perché, sì, va bene tutta questa felicità, ma, alcune volte, c’è bisogno di qualcuno che ti dica:
“Adesso ti impegni!”.
E chi lo può fare meglio dei propri genitori?
Noi ragazzi non capiamo che la scuola, lo studio, ci serviranno in un futuro per una carriera, desideriamo semplicemente essere liberi di fare quello che ci diverte di più. Per questo servono i genitori, ce lo devono ricordare.
i problemi dell’adolescenza sono parecchi a noi sembrano enormi, agli adulti delle sciocchezze, sono ostacoli che si riuscirebbero a superare con un semplice passo. Ma, per noi, sono delle mura di pietra che non si abbattono facilmente.
L’adolescenza e guardare due amiche che ridono, due ragazzi innamorati e pensare di essere al loro posto e magari esserci davvero, è sognare fantasticare cercare di pensare sempre positivo, è fare pazzie.
L”adolescenza è. ”

La girl piccola.

Alcune riflessioni:

nella testa dei nostri ragazzi ci sono tanti sentimenti difficili da gestire.

Ci sono alti e bassi. Ci sono “sciocchezze” che a loro sembrano muri.

Ma, soprattutto, ci chiedono di esserci.

I nostri ragazzi hanno bisogno di essere richiamati alle responsabilità, al senso.

Hanno bisogno di limiti e ce li chiedono, spesso, opponendosi.

Non hanno bisogno di amici. Ma gli adulti capaci di essere tali.

Forza e coraggio.

Penny

#ilmatrimoniodimiasorella.

9 comments on “Lettera di un’adolescente. Quando i figli ci chiedono di esserci.”

    • Mah, non lo so, però era fiera di farmi leggere ciò che aveva scritto. Forse voleva dirmi qualcosa. 😘🤦🏻‍♀️Penny

Rispondi